A Roma, archeologi e storici dell’arte devono forse trovarsi un altro lavoro?

In un’intervista rilasciata ad AgoraVox in piena campagna elettorale, l’attuale sindaco di Roma Ignazio Marino dichiarava che il suo intento era “rifare di Roma luogo di cultura, innovazione, meritocrazia e laicità”. Ci sarebbe tanto da discutere su queste parole, per cui soffermiamoci solo sul primo concetto: cultura. Bene: già in primavera, quando il Comune di Roma annunciava tagli per diversi milioni di euro alla cultura (e l’assessore Flavia Barca dichiarava che bisognava essere contenti, perché i tagli potevano essere ben peggiori), in molti prefiguravano scenari veramente poco simpatici per la cultura romana.

E questo disamore nei confronti della cultura, e soprattutto nei confronti di chi in cultura ha investito tempo, denaro, passione e formazione, sta emergendo con tutta la sua prepotenza in questi giorni. Prima con la notizia dell’intesa tra Comune di Roma ed Enel per la valorizzazione del patrimonio dei Musei Capitolini: stando a quanto si è appreso dai media, molti dei beni archeologici dell’Antiquarium dei Musei Capitolini saranno sottoposti a un’attenta operazione di studio e analisi che si svolgerà non, come tutti potremmo pensare, sul suolo nazionale, che abbonda di preparatissimi e validissimi archeologi, molti dei quali sottopagati, precari e spesso sfruttati… bensì negli Stati Uniti d’America, e per l’esattezza nell’Università del Missouri. Peraltro, su questa iniziativa, c’è già anche chi ha avanzato dei dubbi, come Lucio Del Corso, papirologo dell’Università di Cassino, che si domanda quali siano mai stati i criteri che hanno portato alla scelta dell’Università del Missouri, se sia sensato spendere decine di migliaia di euro per il trasporto e l’assicurazione dei reperti (quando potrebbero essere schedati in loco), se ovviamente non fosse stato meglio affidare questo lavoro ai nostri archeologi, e se l’operazione non celi una “esterofilia malata e provinciale”.

 

La prima domanda che sorge è: ma è normale che un Comune sigli un’intesa con l’Enel per pagare studi da effettuarsi negli Stati Uniti, mentre invece affidi a personale che lavorerà in modo sostanzialmente gratuito, e su base volontaria, le attività da condurre nei propri musei? La seconda: ma con quale coraggio i politici continuano a parlare di promuovere la cultura quando i fatti dimostrano che la direzione che il paese sta prendendo è quella diametralmente opposta? La terza: ma dove è finito il rispetto per tutte quelle persone che hanno compiuto sacrifici per studiare archeologia e storia dell’arte, e vengono sbeffeggiate nel primo caso da un’iniziativa che porterà all’estero reperti che si sarebbero potuti studiare benissimo anche in Italia, mentre nel secondo dalla ricerca di volontari per attività come l’informazione e l’orientamento, che verrebbero svolte in maniera sicuramente migliore da personale retribuito? La quarta: che rispetto abbiamo per il pubblico se continuiamo a pensare che personale volontario debba progressivamente sostituirsi a personale stabile e retribuito?

Per la versione integrale, clicca qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...